Vallerotonda_Gallinaro - Cammino di San Gerardo

Cammino di San Gerardo
Pellegrino, viandante o escursionista che tu sia, benvenuto!
Vai ai contenuti
Tappa G12 - da Vallerotonda a Gallinaro


Tappa: accessibile a tutti, adeguatamente allenati
Distanza: da percorrere: km 31,3 circa
Tempo di percorrenza medio: 9 ore (NB: ore d.p. = ore dalla partenza)                                       
[I tempi di percorrenza sono calcolati sulla base di un escursionista che ha un buon allenamento e conoscenza dell’ambiente montano]
Grado di difficoltà: medio-alto (E.E.)
Vallerotonda (620 m s.l.m.)
Gallinaro (560 m s.l.m.)
Dislivello complessivo in metri :280 ↗  - 340​ ↘
Fondo: asfalto 40%, strada sterrata, sentiero                                                                        
Fonti d’acqua: Vallerotonda, Atina, Gallinaro
Segnaletica: non presente, visti i diversi tratti urbani del percorso.                                   
Comuni interessati: Vallerotonda, Atina, Gallinaro
Percorribilità: tutto l’anno

Partendo da Vallerotonda (620 m slm), dalla Chiesa di Santa Maria Assunta in Piazza Duomo, edificata nel XIII secolo, all’interno della quale è custodita una statua di San Gerardo, si segue la strada in discesa verso sud-est lasciando il centro del paese. Seguendo le indicazioni stradali per la frazione di Valvori, (445 m slm; 02.00 ore d.p.), si raggiunge la località dopo aver attraversato paesaggi suggestivi e selvaggi, nonostante il percorso su manto stradale con asfalto. Si prosegue lungo il percorso fino alla seconda frazione del comune, Valleluce  (370 m slm; 04.00 ore d.p.). Si prosegue ancora per poco su fondo asfaltato, si percorre poi una strada sterrata all’inizio e un sentiero successivamente, che conducono al centro storico del comune di Atina (481 m slm; 07.00 ore d.p.). Poco prima di arrivare al centro del paese, lungo il percorso incontriamo i resti di mura poligonali, le mura ciclopiche della vecchia città, costruite in tempi diversi, tra il VII e il II secolo a.C., nelle quali si possono rinvenire 3 tipologie costruttive. Nel centro storico possiamo visitare il Palazzo Cantelmo, detto anche Palazzo Ducale, costruito nella seconda metà del XIV secolo e nelle vicinanze sorge la Cattedrale di Santa Maria Assunta, in Piazza Guglielmo Marconi, edificata nel 1208, distrutta dal violento terremoto del 1349, ricostruita nel 1405, ampliata più volte e ristrutturata nei secoli successivi. Lasciando il centro storico, nei pressi dell’attuale cimitero, si incontra la Chiesa di San Marco e numerosi resti di epoca romana. A lato del muro di cinta del cimitero, in direzione nord, si imbocca una vecchia strada che porta in breve tempo al centro di Atina Inferiore (o Ponte Melfa), con il ponte sull’omonimo fiume, un tempo frazione di Atina, oggi forse più popolata del centro storico (350 m slm; 08.00 ore d.p.). Poco dopo aver superato il ponte, si imbocca la strada che porta a Gallinaro, dove all’ingresso sud del paese, troviamo la Chiesa di San Gerardo (560 m slm; 09.00 ore d.p.).
2019 Cammino di San Gerardo


Torna ai contenuti